Bonifica amianto friabile

Siamo regolarmente iscritti all’Albo Nazionale Gestori Ambientali Sezione Regionale della Lombardia alla Categoria 10 B per la bonifica da amianto friabile: tutti i nostri interventi sono effettuati in conformità alla vigente normativa in materia.

Dove si trova l'amianto friabile

Principalmente l’amianto friabile si trova:

  • Come coibentazione di serbatoi, caldaie e tubazioni di impianti di riscaldamento civili e industriali;
  • Nelle guarnizioni di caldaie, porte tagliafuoco, ferodi ascensori;
  • Spruzzato come isolante termoacustico su pareti e soffitti di palestre, ospedali, scuole e asili.

Operazioni di bonifica

I lavori di bonifica da amianto friabile seguono una procedura particolare dettata dalla normative vigente, che consiste in:

  1. allestimento di area confinata realizzata con due strati di polietilene di adeguato spessore posati a pavimento e alle pareti, sigillate ai bordi con schiuma poliuretanica;
  2. allestimento di impianto di estrazione d’aria per le zone confinate;
  3. allestimento di unità di decontaminazione del personale addetto ai lavori composta da quattro ambienti (spogliatoio contaminato, locale doccia, chiusa d’aria e spogliatoio incontaminato);
  4. allestimento di impianto di filtrazione acque;
  5. allestimento di impianto acqua calda per docce;
  6. gruppo elettrogeno per garantire la continuità del funzionamento del gruppo estrattori;
  7. prove di collaudo degli ambienti confinati;
  8. monitoraggio MOCF eseguito quotidianamente.

Dopo l’allestimento delle aree confinate l’Asl eseguirà un collaudo di tenuta fumi.
La bonifica da amianto friabile avverrà mediante l’impregnazione con incapsulante fissativo in dispersione acquosa ad elevata penetrazione e potere legante fino a saturazione completa delle superfici.

Dopo l’incapsulamento la coibentazione dei tubi contenente amianto verrà rimossa totalmente, confezionata in sacchi rispondenti ai requisiti della vigente normativa e avviata allo smaltimento nei centri di stoccaggio autorizzati.

A bonifica avvenuta l’Asl eseguirà un controllo visivo del lavoro eseguito. Successivamente i tecnici dell’Arpa eseguiranno monitoraggi in SEM (microscopia elettronica a scansione) per la restituibilità della zona bonificata.

Dove operiamo

Operiamo nelle province di Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Mantova, Milano, Monza, Pavia, Sondrio, Varese.